Offerte

IMAGE PERNOTTAMENTO E PRIMA COLAZIONE
  Dormi solo o in compagnia e risvegliati...
IMAGE TRY ME
Abbiamo deciso di premiare chi prenota...

Per caso vi state chiedendo da dove prese origine il nome Molinella?

Eccovi accontentati!

Il toponimo si riferisce ai mulini qui disseminati in gran numero: importanti per l’economia del circondario di un tempo e per la singolarità di macinare sia quando l’acqua scorreva verso il mare sia viceversa, per le alte maree.

Il centro storico è dominato dalla caratteristica torre campanaria pendente, che affianca l'antica chiesa di S. Matteo (fine XV secolo), oggi adibita ad Auditorium.

Di fronte all’ Auditorium, al centro di Molinella, sorge la caratteristica Torre civica di Santo Stefano, in antico adibita a carcere, poi sede dell' archivio comunale e dal 1995 ospitante mostre, eventi, rassegne teatrali e musicali.

La Chiesa di S. Francesco d'Assisi, per le sue dimensioni e per l’antica appartenenza al territorio ferrarese viene ancora denominata dai Molinellesi “chiesina ferrarese”. 

 

...tutt'attorno...

 

L' odore di uva, le aperte campagne con i loro colori travolgenti che riempiono il territorio che circonda il piccolo comune che ci ospita e che vi consigliamo di approfondire così...

LA VALLE VALLAZZA: un' area di 85 ettari situata sulla strada che da Molinella conduce a Selva Malvezzi.
Qui sopravvivono tipi di flora e di fauna caratteristici delle zone umide.
Pioppi, canne palustri e un vasto specchio d'acqua, su cui galleggiano numerose varietà di ninfee e di lenticchie d'acqua (la comune "nadrela").
Habitat ideale per rane, tartarughe, biscie ed altri rettili acquatici. Qui nidificano abitualmente folaghe, svassi e diverse specie di anatre e talvolta ci si può imbattere in qualche maestoso esemplare di airone cenerino.


In alcune zone poderali sorgono infine i vecchi maceri (masadur), le vasche un tempo utilizzate per la macerazione della canapa.

Un sistema biologico di insospettabile ricchezza, contraddistinto dalla presenza di querce e salici capitozzati, di canneti e di fiori campestri, testuggini, libellule e sgargianti farfalle.

E poi le vicine frazioni di MARMORTA e la sua "Corte dei Cavalli", SAN MARTINO IN ARGINE e la sua maestosa "Villa Ghisleri", la contesa SAN PIETRO CAPODIFIUME, SELVA MALVEZZI e il suo "Palazzaccio" fortificato.

 

Il resto non possiamo anticiparvelo...ve lo lasceremo scoprire da voi sul posto...